Messina

Bruxelles, la Corte dei Conti Europea “salva” il progetto del porto di Tremestieri di Messina, bocciando gli altri cinque


BRUXELLES. La Corte dei Conti Europea boccia i progetti per la portualità da finanziare con fondi dell’Unione, promuovendo solo quello relativo a Messina. All’esame dell’organismo Ue, erano i piani di sviluppo di sei aree portuali italiane. L’audit della Corte ha passato al setaccio gli interventi realizzati a Vieste, Bari, Brindisi, Messina-Tremestrieri, Augusta e Ragusa e dei sei progetti analizzati è stato promosso solo quello di Messina, finalizzato alla costruzione di due ponti di attracco e relativo collegamento all’autostrada. Nulla invece ad Augusta, con i lavori non completati ed il porto vuoto, mentre a Bari e Brindisi mancano i collegamenti con l’hinterland e a Vieste e Ragusa sono stati costruiti dei porti turistici che non hanno avuto un impatto sul sistema dei trasporti, obiettivo originale dei finanziamenti. Altro problema riscontrato soprattutto in Italia è quello della ridefinizione ex post dei progetti, per cui i fondi vengono destinati a progetti diversi da quelli iniziali. E’ questo il caso di Gela, in cui il progetto per il porto è stato abbandonato ed i finanziamenti usati per l’autostrada Palermo-Messina e Gela-Catania. Più in generale, rileva il coordinatore dell’audit Luc T’Joen, “in Italia manca un piano di sviluppo a lungo termine, si spendono tanti soldi in poco tempo, ma senza una strategia complessiva”. Un problema che è stato peraltro rilevato anche negli altri Paesi analizzati. In totale i progetti valutati in Italia dalla Corte dei conti hanno assorbito 1,7 miliardi di finanziamenti di cui 726 milioni targati Ue, erogati tramite i fondi strutturali ed il fondo di coesione. L’Italia è, dopo Spagna e Grecia, il Paese Ue che riceve più finanziamenti comunitari per progetti legati allo sviluppo dei porti.

Informazioni su Centonove

Nato nel 1993, il settimanale Centonove, edito a Messina, è stato il primo progetto di imprenditorialità giovanile in Italia in campo editoriale. Testata certificata ADS con una foliazione di 40 pagine e quattro giornalisti professionisti in redazione, si distingue nel panorama regionale siciliano per vivacità di impostazione e serietà dell’approfondimento giornalistico. Centonove è in edicola ogni venerdì a Messina e il sabato nel resto della Sicilia. La testata si occupa di politica, cronaca, economia, cultura e spettacoli con una particolare attenzione alle inchieste

Discussione

Un pensiero su “Bruxelles, la Corte dei Conti Europea “salva” il progetto del porto di Tremestieri di Messina, bocciando gli altri cinque

  1. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Pubblicato da icittadiniprimaditutto | 25 aprile 2012, 18:20

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sono passati da qui

  • 850,945 visitatori

Settimanale Centonove

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 112 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: